fbpx

La food photography si aggiudica il premio Igers Italia 2020

La food photography trionfa come miglior fotografia dell’anno grazie alla fotografa e blogger Lisa Fregosi. La giuria tecnica ha eletto lo scatto della Fregosi come il più bello del 2020, ma la fotografa, oltre ad essere l’Igers dell’anno, è anche vincitrice della categoria Food Photography. Lo scatto che si aggiudica il podio ha come portagonista il tè: la Fregosi l’ha ritratto col gusto della still life, focalizzando l’attenzione dell’osservatore sulle mani di una donna che lo versa. L’utilizzo della luce e la sensibilità cromatica donano allo scatto una dimensione pittorica.

Credit: Lisa Fregosi – scatto vincitore del premio Igers Italia 2020

Il premio Igers Italia

Nel 2020 il premio Igers Italia è giunto alla sua ottava edizione. La competizione ha l’obiettivo di valorizzare le migliori produzioni fotografiche di igers, fotografi amatori, professionisti e content creators, lasciando loro la massima libertà sulla scelta del tema, così da poter permettere la massima espressione della loro creatività. Quest’anno per la prima volta il premio è stato patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Le categorie per le quali concorrere sono:

  • Paesaggio italiano
  • Bianco e nero
  • Ritratto
  • Street Photography
  • Food Photography

Ma in quest’ultima edizione del Premio nazionale IngersItalia sono state inserite due nuove categorie di concorso:

  • Progetto a medio/lungo termine (serie fotografica)
  • Storia di viaggio (travel photography)

I membri della giuria fanno parte del mondo della comunicazione visuale ed editoriale, della cultura e della fotografia come il MIBACT, Lonely Planet, Gambero Rosso, Contrasto e Angelo Perrillo.

Il podio del 2020 va alla food photography

Nel 2020 l’Associazione IgersItalia ha ricevuto 1100 candidature (la partecipazione più numerosa nella storia del concorso). Ma, fra le fotografie esaminate dalla giuria, ad aggiudicarsi il premio IgersItalia 2020 è stata Lisa Fregosi, selezionata da Massimiliano Tonelli (direttore editoriale Gambero Rosso e Artribune) e già vincitrice della categoria food photography. La sua foto è stata, inoltre, giudicata la migliore fra tutte le altre vincitrici di categoria. Così, insieme alla Fregosi la protagonista dell’ottava edizione del premio è stata, senza ombra di dubbio, la fotografia di cibo, anzi, di tè potremmo dire!

Diamo un’occhiata anche agli scatti vincitori delle altre categorie !

MIGLIOR FOTOGRAFIA CATEGORIA TRAVEL PHOTOGRAPHY

VINCITORE: Francesco Sammarco

GIUDICE: Angelo Pittro- direttore di Lonely Planet Italia e Lonely Planet UlisseFest

Credit: Francesco Sommarco

MIGLIOR FOTOGRAFIA CATEGORIA BIANCO E NERO

Credit: Stefania Casellato

VINCITORE: Stefania Casellato

GIUDICE: Pietro Contaldo- Presidente IgersItalia

MIGLIOR FOTOGRAFIA CATEGORIA PAESAGGIO ITALIANO

VINCITORE:  Alessia Picciolo

GIUDICI: Mattia Morandi – Capo ufficio stampa e comunicazione del Mibact Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Fulvia Palacino – Giornalista, digital media manager, comunicazione web e ufficio stampa del Mibact (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo)

MIGLIOR FOTOGRAFIA CATEGORIA RITRATTO

VINCITORE: Isabella Borrelli
GIUDICE: Laura Patricia Barbieri – Vincitrice Premio IgersItalia 2019 Fotografa e Consulente Marketing

MIGLIOR FOTOGRAFIA CATEGORIA STREET E DOCUMENTARY PHOTOGRAPHY

VINCITORE: Raffaele Monaco
GIUDICE: Angelo Ferrillo – Fotografo professionista e docente di fotografia allo IED

MIGLIOR LAVORO DELLA CATEGORIA SERIE FOTOGRAFICA A MEDIO/LUNGO TERMINE

VINCITORE: Andrea Martino
GIUDICE: Lorenza Anselmi – Responsabile Comunicazione e Progetti Speciali Agenzia Contrasto

Conosciamo meglio la vincitrice, Igers dell’anno 2020

Lisa Fregosi, ligure di nascita e veneta d’adozione, è una fotografa, una mamma di due bambini e una food blogger italiana, attiva dal 2013 col blog Mum Cake Frelis. Come molti dei fotografi più affermati, Lisa, non nasce come fotografa: ha compiuto studi artistici, ha lavorato anni come orafa e soltanto quando il figlio Dimitri ha compiuto due anni ha aperto il suo blog, studiando SEO e fotografia per farlo crescere e farlo diventare un lavoro a tempo pieno.


Credit: Lisa Fregosi

Credit: Lisa Fregosi

“Ho sempre avuto uno spiccato senso estetico, ma l’altra mia passione è sempre stata la pasticceria. Ho iniziato a cimentarmi col cake design, e condiviso sui social la torta di compleanno fatta per mio figlio. Ci ho preso gusto fino ad aprire un blog, nato come il diario di una mamma appassionata di fotografia” confida Lisa a Gambero Rosso.

Così, passo dopo passo, in maniera del tutto inaspettata, quella del blog da passione e svago diventa un lavoro vero e proprio, e Lisa inizia a collaborare con realtà del settore gastronomico. Ora, divenuto Igers Italia 2020, Lisa rivela il suo sogno nel cassetto “Mi piacerebbe riuscire a lavorare solo di questo. E realizzare un libro mio, prima o poi. Moltissimi follower me lo chiedono”

Fonti:

Liked this post? please spread the word!

Share on facebook
Share on twitter
Share on google
Share on whatsapp
Share on pinterest
Share on linkedin

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top
×

Hi!

Click the person below to chat on WhatsApp or send us an email to info@eikona.eu

×